Temperature record dai termometri delle farmacie e delle auto, facciamo chiarezza.

0
187

Come mai i termometri delle farmacie, delle auto o dei pannelli comunali informativi non sono affidabili e veritieri?

Approfondiamo il discorso…

Ogni anno, con l’arrivo dei picchi di calore sul nostro territorio, vengono sempre di più diffuse immagini e notizie relative a temperature “impossibili” rilevate da questi dispositivi che orami si trovano ovunque in ogni città.

Per rilevare correttamente le temperature (sempre e comunque con un minimo errore), noi del settore, utilizziamo apparecchiature con sensori che devono assolutamente avere dei requisiti fondamentali per non incorrere in problemi di sovrastima (valore più elevato del reale) o di sottostima (valore più inferiore del reale).

I sensori che utilizziamo devono essere posizionati ed installati a norma WMO ossia World Meteorological Organization che detta le regole di corretta installazione dei dispositivi di rilevamento meteorologici.

Sul sito del Centro Meteorologico Lombardo potete visualizzare una breve guida su come, per essere a norma, vengono installate tutte le nostre stazioni attive sul territorio Lombardo.

Devono avere dei parametri d’installazione ben specifici, a seconda di dove vengono posizionate, mantenere determinate distanze da edifici o possibili fonti di calore.
Avete mai toccato un muro esposto per ore al sole estivo? Bene, quel muro sarà sicuramente molto caldo e lui stesso rilascerà il calore preso dai raggi del sole durante la giornata.

Ora pensate a metter un termometro vicino a tale fonte di calore (così chiamata in quanto anch’essa rilascia del calore passivamente), secondo voi la temperatura risulterà più alta rispetto al medesimo termometro posizionato qualche metro più distante dal muro?Ovviamente si.

Questo è il primo passo per capire che già la posizione, nella quale vengono installati tali dispositivi elettronici di rilevamento termico pubblici, sia errata e controproducente per una corretta rilevazione.

Altro aspetto importante è la posizione del sensore che andrà a rilevare la temperatura e la propria schermatura per non compromettere la rilevazione.

Esso, oltre a caratteristiche ben definite, deve avere una schermatura tale da non subire l’effetto esposizione ai raggi solari.
Se prendiamo un termometro e lo mettiamo al sole o in una zona d’ombra vedremo che i valori rilevati saranno assolutamente differenti.
Per rilevare correttamente la temperatura corrente  il sensore va posto ad una determinata altezza (180cm – 200cm dal suolo), distante da edifici o fonti di calore, deve essere al sole ma sotto una schermatura specifica detta anche in gergo schermo solare o in una capannina meteorologica.

Lo schermo avrà caratteristiche tali da permettere il corretto movimento e scambio d’aria al suo interno affinché il valore rilevato risulti il più reale possibile.

Il nostro consiglio è quello di diffidare dalle temperature rilevate da tali dispositivi elettronici o di non prendere sul serio quei notiziari online che per fare notizia utilizzano le immagini di temperature impossibili e del tutto surreali.

Affidatevi a stazioni meteo professionali che orami sono installate a migliaia su tutto il territorio nazionale.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here